Piazza 15 Martiri (Madonna della pace) , 00020 AGOSTA(RM)     |     cmaniene@pec.it     |     0774.829201/02

i chiude il processo di definizione di una Strategia Nazionale per le Aree Interne: il 30 settembre la deadline

News

Mercoledì 02 Ottobre 2019

i chiude il processo di definizione di una Strategia Nazionale per le Aree Interne: il 30 settembre la deadline

Il Presidente della X Comunità Montana Luciano Romanzi: "Procedere uniti e pensare anche ai piccoli comuni non direttamente coinvolti in Aree Interne"

A cura di Agenzia Eventi

Si è chiuso il 27 Settembre dopo un lungo ciclo di incontri il processo di elaborazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne per l’area Lazio 3.
I primi incontri erano iniziati nel mese di Aprile presso la Biblioteca Comunale di Subiaco e avevano visto una larga partecipazione da parte della cittadinanza locale, che ha presentato proposte e istanze al tavolo tecnico. Il preliminare di strategia è stato invece approvato e trasmesso alla Regione Lazio a fine Giugno.
All’invio del preliminare ha fatto seguito un nuovo e recente ciclo di incontri presso la sede di Madonna della Pace della X Comunità Montana dell’Aniene, allo scopo di presentare alla Regione una strategia definitiva entro il 30 Settembre. Encomiabile la partecipazione dei sindaci, che non senza attriti hanno lavorato al meglio delle loro possibilità insieme alla Comunità Montana per la definizione della strategia, presentando dubbi, bisogni e proposte.
In data 26 Settembre si è inoltre tenuto un ulteriore incontro con le associazioni del territorio, che hanno fornito un prezioso feedback su quanto elaborato dal comitato tecnico nel corso degli ultimi mesi.
Il Presidente Romanzi ha ribadito l’importanza di prestare attenzione ai piccoli comuni, esprimendo la necessità di non lasciare nessuno indietro: “C’è stato un lavoro di pianificazione importante, la gente comune è venuta a dirci la propria opinione, cosa funziona e cosa non funziona. Ora bisogna procedere tutti uniti, senza abbandonare nessuno, e iniziare a pensare anche ai piccoli comuni non direttamente coinvolti in Aree Interne” 

Valuta la pagina - stampa