Piazza 15 Martiri (Madonna della pace) , 00020 AGOSTA(RM)     |     cmaniene@pec.it     |     0774.829201/02

Perché non si ripeta: 'Madonna della Pace' ricorda i 15 Martiri del 1944

News

Giovedì 23 Maggio 2019

Luciano Romanzi Presidente della X Comunità Montana dell'Aniene: 'Al di là dei problemi quotidiani, oggi possiamo godere dei frutti della libertà, della civiltà, dell'autonomia. Ciò che va trasmesso è il senso di costruire nel nostro quotidiano. È questo che rende omaggio a chi ha dato la vita e a chi si è impegnato per ricostruire il nostro Paese'

A Cura di Agenzia EVENTI

1558274625-232-Domenica 19 Maggio si è tenuta a Madonna della Pace frazione del Comune di Agosta, la commemorazione annuale dei 15 Martiri del 1944, rastrellati e trucidati dalle forze naziste occupanti per rappresaglia al misterioso omicidio di un soldato tedesco. Presenti all'evento numerose figure istituzionali e associative tra cui i sindaci di Agosta, Subiaco, Canterano, Rocca Canterano, Rocca Santo Stefano e Cervara di Roma, oltre che ai rappresentanti dell'Arma dei Carabinieri e a Teresa Maria Zotta, Vicesindaco della Città Metropolitana di Roma Capitale.

La commemorazione si è aperta con la celebrazione eucaristica presieduta da Don Attilio Ferrari, che nel corso dell'omelia ha ricordato i Martiri. 'La logica della forza ha provocato e provoca ancora oggi simili disgrazie ' ha affermato il sacerdote ' il Signore vuole fare nuove tutte le cose, e solo accogliendo questa novità di amore si può cambiare'

Il maltempo ha purtroppo impedito ai presenti di raggiungere il Sacrario, recentemente rinnovato. La corona commemorativa è stata pertanto accompagnata dal corteo presso la sede della X Comunità Montana dell'Aniene in Piazza 15 Martiri. Qui il Presidente della Comunità Montana On. Luciano Romanzi ha presentato i saluti istituzionali e ringraziato i presenti, per poi ricordare le devastanti perdite subite dalle comunità locali nel corso della Seconda Guerra Mondiale. 'Al di là dei problemi quotidiani, oggi possiamo godere dei frutti della libertà, della civiltà, dell'autonomia. Ciò che va trasmesso è il senso di costruire nel nostro quotidiano. È questo che rende omaggio a chi ha dato la vita e a chi si è impegnato per ricostruire il nostro Paese' ha dichiarato il Presidente, per poi concludere con un appello al Vicesindaco Zotta: 'il territorio ha bisogno della presenza e dell'appoggio della Città Metropolitana, di cui siamo orgogliosi di far parte'.

La risposta del Vicesindaco, che ha preso la parola subito dopo, non si è fatta attendere: 'La Città Metropolitana è presente e convinta della necessità di instaurare un confronto con il territorio' ha affermato, per poi soffermarsi nel suo intervento sui principi antifascisti e pacifisti della nostra Costituzione, 'valori universali che vanno oltre la politica'. Sentiti e significativi anche gli interventi del rappresentanti ANPI Subiaco Giuseppe Primini e del Segretario Generale ANFIM (Associazione Nazionale Famiglie Italiane Martiri Caduti per la Libertà della Patria) Aladino Lombardi, che hanno ricordato gli orrori del nazifascismo e i milioni di vittime, perlopiù civili, del secondo conflitto mondiale. Tra gli argomenti toccati anche il ruolo delle donne partigiane.

La commemorazione si è conclusa con il solenne appello dei nomi dei 15 Martiri. Il Presidente dell'Associazione Martiri del 1944, Paolo Giammei, ha dichiarato che nei prossimi mesi verranno avviati progetti educativi rivolti alle istituzioni scolastiche locali, affinché i ragazzi preservino la memoria per le generazioni future.

1558274625-283-1558274652-35-

Valuta la pagina - stampa