«

»

mag 05 2017

Stampa Articolo

5 maggio 1945; la liberazione di Mauthausen e Gusen

 

fotoauswitz Per non dimenticare….

Il campo di concentramento di Mauthausen, denominato campo di concentramento di Mauthausen-Gusen dall’estate del 1940, era un lager nazista, una fortezza in pietra eretta nel 1938 in cima a una collina sovrastante la piccola cittadina di Mauthausen, nell’allora Gau Oberdonau, ora Alta Austria, situata a circa venticinque chilometri a est di Linz.

Considerato impropriamente come semplice campo di lavoro, fu di fatto, fra tutti i campi nazisti, «il solo campo di concentramento classificato di “classe 3″ (come campo di punizione e di annientamento attraverso il lavoro)». Vi si attuò lo sterminio soprattutto attraverso il lavoro forzato nella vicina cava di granito, e la consunzione per denutrizione e stenti, pur essendo presenti anche alcune piccole camere a gas.

Il 5 maggio 1945 le prime camionette dell’Armata americana entrarono nel cortile del Lager di Mauthausen. Gli stessi reparti andarono in seguito a liberare anche il sotto campo di Gusen, tra lo sbigottimento dei liberatori e l’esultanza incontenibile delle decine di migliaia di deportati che miracolosamente erano ancora in vita. Furono ore e giorni convulsi, segnati  dalla fame, da innumerevoli altre morti, e anche dalla violenza e talvolta dalla disperazione. La fuga delle SS aveva lasciato dietro di sé non solo orrore e morte, ma anche una grande incertezza per l’avvenire, e problemi pratici, relativi all’assistenza a un così alto numero di ammalati e di moribondi che sulle prime parvero sia ai liberatori che ai liberati assolutamente insormontabili.

Dettagli sull'autore

Sonia

Permalink link a questo articolo: http://www.cmaniene.it/5-maggio-1945-la-liberazione-di-mauthausen-e-gusen/